​Una famiglia diabolica

Foto e recensione di Anna Agata Mazzeo

 
Giallo a Sperlinga, un borgo di poche anime, al centro della Sicilia.
Nel nuovo thriller di Salvo toscano intitolato Una famiglia diabolica (Newton Compton) i parenti di zia Fifí giungono fino a qui per incassare la propria parte di eredità.

L’obiettivo comune a tutti è quello di sbrigare in fretta le poche pratiche e scappare lontano dai pettegolezzi, odi e rancori, che da sempre covano in questa famiglia  “diabolica” appunto.

La gran parte delle conversazioni che sentivo tra i miei conoscenti mi parevano vacue, inutili, uno spreco di fiato e di tempo. Tutto mi sembrava un copione stantìo di una vecchia farsa che si ripeteva da secoli.

Un omicidio però, costringe tutti alla convivenza forzata, ristretti in albergo per il tempo necessario alle indagini.

Tra la tensione di un omicida a piede libero, e i vecchi rancori, l’allegra famigliola non perde occasioni per sputare veleno, attizzando con nuove questioni i focolai, che solo la lontananza aveva tenuto a bada.

Gli affascinanti fratelli Corsaro, a Sperlinga, vestono ancora una volta, loro malgrado, i panni degli investigatori.

Avvocato uno, giornalista l’altro, Roberto e Fabrizio, come due facce della stessa medaglia, provano a far luce sulla triste e amara realtà.

Tra le menzogne di una famiglia “senza amore cristiano e misericordia” c’è persino lo spazio per una ‘scappatella’. Tra i sensi di colpa e l’influenza della zia Agatha (Christie) i due fratelli riescono ad assicurare il colpevole dell’omicidio alla giustizia. Un giallo ben strutturato, scorrevole, simpatico. Non mancano citazioni e scorci di film di tutto rispetto (Bud Spencer, Terence Hill) nonché di musica (Beatles).

Salvo Toscano si è dimostrato, ancora una volta, abile nel controllo sia dei personaggi, che della storia, e nel farlo sembra proprio si sia divertito. Un carisma, contagioso, con il quale dipinge la miseria umana, regalandoci una trama avvincente, che non disdegna perle di saggi principi, ormai sempre più rare.

Divertente, avvincente e persino commovente. Da leggere e rileggere per apprezzare la maestria dell’autore.

 

Salvo Toscano

Una famiglia diabolica

Newton Compton

282 pagine

€ 6.90

Le nostre anime di notte – Kent Haruf

La storia è semplice. Pulita. Non ci sono intrecci particolari. Il particolare di questo libro, forse è proprio questo.

Si legge tutto d’un fiato, quasi ti sembra di essere ospite a casa di parenti, un’ospite ad Holt, in Colorado.

Mi sentivo a disagio a lasciare in standby i protagonisti, sospendere la lettura per continuare a vivere la mia vita.

Non sapevo se e come sarebbero stati alla pagina successiva. Il testo emana un senso di pace misto all’urgenza di quei due vedovi anziani: lei,  Addie che convince Louis a dormire insieme di notte.

Addie dopo che il marito è morto trova le notti piene di pensieri e inquietudini e pensa che loro due potrebbero farsi compagnia. Lei cerca qualcuno con cui parlare, con cui confidarsi e sceglie Louis non perché le sia stato da sempre amico, ma proprio perché non lo conosce benissimo.

<<Sto parlando di attraversare la notte insieme. E di starsene al caldo nel letto, come buoni amici. Starsene a letto insieme, e tu ti fermi a dormire.

Le notti sono la cosa peggiore non trovi?>>

Louis le chiede che cosa penserà la gente che lo vedrà andare solo di notte da lei. Addie gli risponde che ha smesso di preoccuparsi della gente da un bel pezzo, che pensino quello che vogliono.

<<Ti ho lasciato senza parole? Non parlo di sesso.

Non facciamo niente, se ti riferisci a quello.

No, non mi riferivo a quello.

In ogni caso non lo facciamo.>>

Iniziano dunque lunghe serate all’insegna delle domande e dei racconti di una vita, i sussurri di quanto la gente esterna non avrebbe potuto sapere, dei dolori e dei periodi difficili.

Quando i due si stanno abituando a farsi compagnia compare Gene, il figlio di Addie, che comunica alla madre la separazione dalla moglie, che lo ha abbandonato, e dovendosi occupare del lavoro, sempre più precario, chiede alla madre di tenere Jamie, il nipotino di 6 anni per l’estate.

Ovviamente Addie non si tira indietro e cerca una soluzione per non smettere di vedere Louis. Decide di far incontrare Jamie e Louis, che diventano amici; Jamie li considera come nonni e Louis va a casa di Addie come d’accordo.

La fine dell’estate, la ricomparsa di Gene, che viene a riprendere Jamie segna un duro colpo nella coppia. Gene infatti, obbliga la madre a non vedere più Louis. Un ricatto vero e proprio, infatti se Addie non rispetta il patto, non vedrà più il nipotino.

Tra l’incudine e il martello, Addie deve scegliere quale amore tenere e quale lasciare, io,  vi lascio il gusto della suspense, perché la lettura merita.

L’amore tardivo, più platonico che fisico, tra Addie e Louis è commovente: si abituano notte dopo notte allo spazio che occupa il corpo dell’altro, senza mettersi fretta, liberi di interrompere il loro rapporto in qualsiasi momento. Con meraviglia si accorgono di stare davvero bene insieme, non nutrono quelle aspettative e gli obiettivi preimpostati dalla società, tipici dei giovani individui.

La saggezza della vecchiaia, dona al lettore un senso di accoglienza, pace, serenità. Questi due anziani vivono con calma e apprezzano giorno per giorno quello che la vita offre loro. La vita può essere condotta, adesso che è al tramonto, in modo molto dolce e tenero, con la persona giusta. Haruf dona a Addie e Louis un’ironia controllata, dettata dall’esperienza delle tante cose passate, con il giusto peso da dare a ogni cosa.

Il rapporto che Louis instaura con Jamie è quello di un nonno con un nipote, un nonno che aiuta il piccolo a traghettare  verso nuove ‘esperienze salvifiche’, visto che Jamie soffre per l’abbandono della madre. Via libera, dunque a passeggiate nei boschi, lavori nell’orto, partite di softball con la nonna, l’adozione di una cagnolina per tenergli compagnia durante la notte. Piccole cose che generano un mondo di legami, coraggio, affetto.

Le nostre anime di notte, mi ha portata a Holt, e a farmi sentire a tratti un pò Addie, un po’ Jamie, Gene, Louis. Un po’ egoista, altruista, fragile, audace, questo è altro, tutto nello spazio temporale di 166 pagine!
Titolo: Le nostre anime di notte

Autore: Kent Haruf, traduzione di Fabio Cremonesi

Editore: NN Editore

Numero di pagine: 166

Prezzo: 17,00 euro

Di cesti e di caspi 

​”I tanti cestini si dondolavano al vento,

mentre i raggi giocavano a fare centro.

Intrecci di bambù con il calore,

di abili mani e voci in coro.

Di smerli ai balconi

Di donne in sottana

Di sale e di sole

E uomini in pigiama

Di dolci, di frutta, di uova e salami

quanti viaggi faranno quei cesti domani?

Di pieni e di vuoti

Di frasi e sorrisi

di lini e di fiori

Che svolazzan felici

Di fiabe lontane, di ricordi sbiaditi

Di storie d’amore

E di oggetti smarriti

Di tutto e di nulla

Posson parlare,

Di ieri, di oggi, e del domani che fare?”

Anna Agata Mazzeo

World Press Freedom Day 2017

Ogni anno, il 3 di maggio si celebra la giornata mondiale per il diritto fondamentale della Libertà di stampa, per una stampa libera e indipendente,  e per rendere omaggio ai giornalisti che hanno perso la vita nell’esercizio della loro professione.

20170503_080859.jpg

La giornata internazionale è stato proclamata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1993, a seguito di una raccomandazione adottata durante la 26esima Conferenza Generale dell’UNESCO del 1991, che a sua volta rispondeva all’esigenza dei giornalisti africani, che fecero il punto con la Dichiarazione di Windhoek in merito al tema Pluralismo e Indipendenza dei Media.

Le Celebrazioni che coinvolgono il mondo intero dell’informazione per commemorare questo giorno, sono condotte da UNESCO.

UNESCO,  il governo indonesiano,  e il Consiglio di stampa di Indonesia cooperano per l’organizzazione dell’evento principale del Freedom Day World Press e la cerimonia per il conferimento del premio Guillermo Cano in Indonesia a Jakarta, dall’1 al 4 maggio 2017

Il premio indetto nel 1997, prende il nome da Guillermo Cano Isaia giornalista assassinato nel suo ufficio di Bogotà in Colombia,  il 17 dicembre del 1986, dunque in sua memoria si onora una persona, un’organizzazione o un’istituzione che ha contribuito alla difesa e, o alla promozione della Libertà di stampa nel mondo,  specialmente dove si affrontano pericoli per la sua difesa.

Considerando l’era digitale in cui viviamo, con il diffondersi di notizie in modo sempre più rapido, grazie allo Smartphone e alla connessione internet,  sembrerebbe che viviamo nell’epoca d’oro della Libertà di stampa. Purtroppo non è così.

Tra fake news,  e censure di siti, in tutto il mondo si consolidano nuovi sistemi di controllo.

La lotta per la libertà di stampa è un tema sempre attuale, come dimostrano le chiusure di giornali, e le carcerazione dei giornalisti e i vincoli imposti ad artisti e scrittori.

L’Italia ha perso quattro posizioni nella classifica annuale di Reporters sans Frontieres , in merito alla Libertà di stampa.

Nell’anno 2015 il nostro Paese, si trovava al 73° posto, nel 2016  è  sceso al 77°, su un totale di 180 Paesi.

Fanalino di coda dell’Ue,  che è l’area di maggior tutela dei giornalisti.

Secondo l’organizzazione francese il motivo del peggioramento sta nel fatto che molti giornalisti sarebbero sotto protezione della polizia per minacce di morte o intimidazioni. I giornalisti che si occupano di inchieste su corruzione e criminalità,  in Italia, hanno difficoltà a svolgere il loro lavoro.

I paesi dell’Africa ci precedono, e precedono anche l’America, mentre il primato tra i 180 Paesi considerati resta alla Finlandia,  dove le condizioni di lavoro per i giornalisti sono migliori.

 

Alcune informazioni sono tratte dal sito UNESCO

Anna Agata Mazzeo

 

 

Silenzio, sto leggendo

 

IMG_20170420_080652_412

“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla”

Tiziano Terzani, i libri, il tempo e la guerra.

“Ci sono giorni nella vita in cui non succede niente, giorni che passano senza nulla da ricordare, senza lasciare una traccia, quasi non fossero vissuti. A pensarci bene, i più sono giorni così e, solo quando il numero di quelli che ci restano si fa chiaramente più limitato, capita di chiedersi come sia stato possibile lasciarne passare, distrattamente, tantissimi. Ma siamo fatti così…solo dopo si apprezza il prima e solo quando qualcosa è nel passato ci si rende meglio conto di come sarebbe averlo nel presente. Ma non c’è più”.

Tiziano Terzani  – Lettere contro la Guerra  (2002)

Happy Easter!

IMG_20170413_123500_544

from @anna75maz  –

“Era amore,  si disse,  fingendo di spostare la tela, distillato e filtrato; amore che non cercava mai di afferrare il suo oggetto; ma come l’amore che i matematici portano alle formule, o i poeti alle loro frasi, era destinato a diffondersi su tutto il mondo e a diventare parte della ricchezza umana. Era davvero così.  Il mondo lo avrebbe senz’altro condiviso…” Gita al faro – Virginia Woolf

Un lunghissimo week end con la Pasqua intorno e una raccolta di romanzi e  racconti della Woolf di cui godere. La mia personale ‘isola di pasqua’ è tutta qui. Tra le cose e le persone che amo.

#buongiorno_a_chi #pausacaffè #GitaFaro #woolf #letture #romanzo #goodmorning #reading #read #librichepassione #masticolibri #bookstagram #bookaddict #books #bookishlove #bookweek #bookishgirl #quoteoftheday #weekend #happyeaster #poetry #flowers #tulips #instalike #stilllife #slowliving #instaflower

Serendipità. Esiste?

3734c5535533a81e9ced58526479c73e.jpg

Un mercatino, un libro. Una dedica

Natale 1983

Sergio regala a “For You” L’educazione sentimentale di Flaubert, senza averlo mai letto.

Chiude la dedica con un “Ti Amo”

Augusta 2017

Valeria ha acquistato Flaubert in un mercatino, in una bancarella tra la frutta e la verdura.

Questo libro l’ha chiamata e lei lo ha portato con sé a casa.

Trovando la dedica, Valeria si incuriosisce e lancia una ricerca online.

Missione: trovare Sergio.

#CercandoSergio

20170404_000735.png

Lei/lui avrà in tutto questo tempo: perso, venduto, gettato il libro, e probabilmente anche abbandonato Sergio.

Passi per il fidanzato, ma come si fa a smarrire o gettare un libro???

Io, che leggo da quando ho imparato a farlo, e ho iniziato leggendo le insegne luminose dei negozi, che correvano lungo il percorso dell’auto dei miei genitori e non ho più smesso.

Io, che se non leggo sto male e quindi leggo sempre. Non posso pensare che qualcuno maltratti i libri.

A questa abitudine costruttiva ho aggiunto il piacere di scrivere. Scrivo poesie, racconti, sogni, liste della spesa che puntualmente dimentico a casa, e infinite liste di ‘cose da fare’ nel mio quotidiano, solo per poterle sovvertire e stravolgere ogni giorno.

Ho cacciato la signora delle pulizie perché avrebbe voluto gettare i libri già letti, che non trovavano posto nella libreria. Oggi ho una colf che compra i quotidiani, solo per foderare il top degli armadi e ripararli dalla polvere! Se non legge, quantomeno sostiene l’editoria pulendo! La cultura è qualcosa che ti permette di raggiungere qualcos’altro, non si può sottovalutare il potere della conoscenza.

2014-12-05 18.35.42

Leggere fa bene.

Conoscenza, consapevolezza, libertà, meno polvere e ragnatele, forse anche quelle che stanno nel cervello.

Ma torniamo a Sergio. Se lo avessi di fronte gli chiederei:

“Perché hai regalato un libro senza averlo mai letto? Scrivi che volente o nolente lei/lui avrà comunque a che fare con autori francesi, ma non ti sei posto il dubbio che magari la lettura del libro potesse creare disagio, fastidio, sofferenza? Un libro è qualcosa di talmente intimo, che come un profumo, non può essere scelto a caso. A scatola chiusa. Tranne che sia il lettore stesso ad imporsi un tale effetto sorpresa.”

Era Natale quando un’amica, mi regalò un libro, ricordo che non mi piacque, e che la lettura mi fece stare male per giorni, in quanto toccava il tasto dei ricordi, riportando alla memoria episodi, che avrei voluto cancellare per sempre. Per un periodo arrivai a pensare che quel libro era stato uno scherzo di cattivo gusto, scelto forse nell’intento di ferirmi. Pura cattiveria. In seguito minimizzai pensando ad un acquisto fatto con superficialità. Ancora oggi non so cosa sia peggio: la cattiveria o la superficialità.

Adesso #CercandoSergio, e trovarlo servirebbe a conoscere l’identità del destinatario della dedica.

Io intervisterei lei/lui e gli chiederei: “Anche tu, hai avuto l’impressione, che Sergio abbia riciclato un libro che aveva ricevuto a sua volta in regalo?”

Magari è stata proprio quella Carla, la collega di Lingue, quella che condivideva con lui le lezioni di francese. E invitandolo a studiare insieme, gli ha regalato “L’educazione sentimentale”, anche se avrebbe fatto meglio a regalargli un libro di anatomia o un manuale di Kamasutra. Lei era piuttosto audace, e lui decisamente impedito, sembrava che si dovesse ‘imboccarlo col cucchiaino’, aiutarlo a capire ciò che a tutti era evidente. O almeno questo era ciò che mostrava, tra lo sfigato e il bohemien (questa è l’immagine che mi sono costruita di lui, poi chissà…)

E  poi vorrei chiedere a Sergio:

“ma che dedica è questa?!? Dov’è la passione, e il romanticismo?”

E già lo immagino lì. Ancora con quell’aria da falso bohemien, di quello che della Francia in realtà amava solo le parigine, le donne parigine. Quelle con quel nasino da snob, che sniffano parfum tutto il giorno, perché dalla fabbrica di Grasse si diffondono per tutta la Francia, metropolitana inclusa.

Le donne che si vestono, escono la mattina e rientrano la sera tardi, sempre con gli stessi capi, ‘sbucciate’ strato dopo strato, dai vestiti, come dalla pesantezza degli oneri del giorno, dalle nuvole di pensieri e dai baci rubati ieri.

Lì Sergio ammetterebbe:

S.: – “Io avrei voluto, ma non ho trovato. Flaubert parlava di uno sfigato: Frédéric, sembra che se la sia spassata, ma in realtà è rimasto solo, a scartare disillusione, e a bere per ricordare. Ricordare i bei tempi, quelli in cui lui ci credeva. Credeva all’amore…”

FB_IMG_1487492878806.jpg

Vuoi dirmi che il destino di Frédéric somiglia al tuo?

S.: – “Ho acquistato il libro credendo di trovare qualche suggerimento importante sul modo di condurre la vita e il sentimento, ma dopo aver letto che lo stesso Flaubert lo definì ‘poco divertente’, ho smesso di leggerlo, aveva ragione. Si tratta di una raccolta di belle frasi ad effetto, di quelle che, o lei cede alla tentazione, o decide radicalmente di farsi monaca. Quello era il periodo ‘confuso’ non sapevo cosa fare. Un giorno mi piaceva Carla, un altro Giovanna e poi c’era Claudio, il nostro rapporto era fantastico, ma strano.”

 

 Solitamente in una dedica si scrive il nome del destinatario, A Carla, A Giovanna, A Claudio, e se non si vuol venire scoperti da occhi indiscreti si omette la firma, si usa uno pseudonimo, un vezzeggiativo, un’icona stilizzata, qualunque cosa possa identificarti ai soli occhi dell’interessato.

Sergio devo dirtelo: mi sembri un narcisista confuso. Uno di quelli che non sa a chi regalerà questo libro e nel dubbio usa “For You”. Scaltro stratagemma, devo ammetterlo.

A questo punto cosa hai fatto: hai lanciato in aria una monetina e hai fatto scegliere al caso?

S.: – “No. Come fai in fretta, tu, a sputare sentenze! L’ho regalato a una collega di cui non conoscevo il nome. Ci lanciavamo sguardi a lezione, durante Storia della letteratura francese, ma lei fuggiva tutte le volte che tentavo di raggiungerla e parlarle. Così un giorno le lasciai il libro di Flaubert, sul posto che solitamente occupava, sperando che trovandolo si persuadesse a fermarsi per conoscerci. Ma non è stato così. Non venne più a lezione, poi dopo qualche mese seppi, che aveva lasciato gli studi, ma nessuno sapeva come si chiamasse e dove trovarla. Non l’ho più rivista.”

Ti piacerebbe ritrovarla, oggi?

S.: – “No. Oggi sono felice così. C’è un tempo per ogni cosa.

Oggi preferisco il ricordo, all’abbaglio di un illusione.”

20161121_113005

Tante volte cerchiamo di scavare nell’animo altrui, per la curiosità di sapere, conoscere come sarebbe stato se, se solo il destino di quelle persone avesse girato per il verso giusto, o per il verso sbagliato, chissà. Quante volte da piccola riflettevo sulla opportunità di scegliere il finale di una storia. Scelta A o scelta B? Le conseguenze? Cercavano sempre di responsabilizzarmi i miei genitori. Non c’era azione che non richiedesse una valutazione preventiva delle conseguenze, dei rischi e pericoli che avrei corso, tanto che pensavo da grande sarei divenuta un perito assicurativo o qualcosa di simile, dopo tanto valutare le percentuali di rischio! Ancora oggi quando non riesco a decidermi su quale via imboccare al bivio della vita, prendo carta e penna e dividendo in due la pagina, valuto pro e contro di una scelta, e/o di una non scelta.

Dovremmo sempre valutare insieme ai rischi che comporta una scelta, il rischio che ne conseguirebbe a non scegliere affatto, e a restare inermi in attesa che, accada qualcosa, o che qualcuno operi una scelta al posto nostro.

Calcolare, valutare, riflettere, decidere, sono azioni che implicano l’intervento della ragione, dell’intelletto, del freddo calcolo della mente. Ma quando si tratta di sentimenti come bisogna comportarsi?…

Quando desideri ardentemente qualcosa tutto l’universo cospira con te, affinché accada.

Questo dialogo semiserio è totalmente frutto della mia immaginazione, l’intento è puramente ludico, non vuole recare offesa a nessuno dei soggetti direttamente o indirettamente coinvolti.

Se ti piace, Condividi!

P.s.: è più facile che vi presti il fidanzato, che un mio libro.

Fossi in voi, nel dubbio, non chiederei né l’uno né l’altro.

Sono gelosa!

(To be continued)

L’educazione sentimentale

E’ la storia di Frédéric Moreau, da quando studente liceale di 18 anni, ha un coup de foudre, con la signora Arnoux, la moglie di un editore – speculatore dilettante, mentre si trova sul battello che lo riporta a casa a Nogent sur Marne.

Una passione che non sfocerà mai in un amplesso carnale, per via delle circostanze, e delle disposizioni mentali dei due.

Il romanzo definito da Gustave Flaubert stesso “peu amusant”, ha un registro espressivo grottesco triste,  nel bel mezzo dell’apice del sentimento, interrompe con dei richiami realistici, ridicolizzanti. Se la vita a volte sembra un romanzo, questo romanzo riflette perfettamente la vita vissuta senza un ordine preciso, senza alcun intreccio. Una raccolta di belle frasi sentimentali, senza alcun appiglio alla struttura stessa.

Tutta la narrazione è un susseguirsi di scene, slegate. L’autore non aiuta il lettore, la lettura si fa distratta, senza alcun trasporto per il romanzo, che scorre lento, di quella lentezza che è tipica delle pellicole francesi. E forse il suo successo è dovuto proprio a questo modo peculiare di ‘non romanzare’ la narrazione.

Un sottile senso di malinconia per la giovinezza che svanisce, per gli amori che si estinguono, per le disillusioni che si impadroniscono dell’io maturo, o solo appesantito dal trascorrere del tempo, pervade il romanzo.

L’esaltazione del codice romantico e l’immediata derisione dello stesso sono un continuo alternato, uno scetticismo che sfottendo il romantico, rilancia i moti del cuore. Un’abilità che solo chi osa sperare riesce ad avere: deridere ciò che si ama. L’amore.

E’ con l’amico di infanzia Deslauriers, che Frédéric trarrà “l’ultima lezione della loro educazione sentimentale” ricordando gli episodi giovanili di frequentazione dei bordelli: nulla vale i ricordi e le illusioni dell’adolescenza.

Puoi trovarlo qui

https://www.ibs.it/educazione-sentimentale-libro-gustave-flaubert/e/9788811360339

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑